COMUNICAZIONE NETWORK EVENTI

la comunicazione di te secondo te
la professionalità che ti serve quando ti serve

martedì 16 novembre 2010

il salotto tanghero di cosmobarbara


Lo scorso salotto è stato un evento molto intimo ed interessante.
Ci siamo trovate presso la trattoria due spade, dove Marco ci ha servito un misto mare delizioso accompagnato dalle nostre ottime bollicine stramaret. Tanto si è emozionato a sentirci parlare di tango argentino che gli è scivolata la bottiglia di prosecco e BUM! è esplosa! Annaffiando Marco e la mia borsa! : ) Chissà che sia di buon auspicio per chiudere questo buon 2010 in bellezza.
Marco comunque non si è perso d'animo e ci ha subito portato altre bollicine, che hanno provveduto a solleticarci il palato.
È stato molto affascinante ascoltare Mirta raccontarci della sua Argentina e del suo tango.
Un tempo un gioco di seduzione tra l'uomo e la donna, dove l'uomo era il dominatore e la donna subordinata, oggetto dei suoi desideri. Oggi le cose sono (fortunatamente!) un po' cambiate. Le donne sono diventate più attive nel loro ruolo e il gioco di sguardi che precede un ballo mostra all'uomo se è gradito o meno. Questo implica un dialogo tra due sconosciuti che comincia molto prima del ballo vero e proprio. Cosa abbastanza inusuale qui da noi, almeno a detta di Mirta e di Francie, che abbiamo scoperto una tanghera appassionata e molto informata sul tango argentino. Francie ha cominciato col tango studiandolo, imparando a conoscerne l'essenza, i grandi nomi ed esponenti della cultura del tango argentino, per poi cominciare a ballarlo, insieme al marito. Complimenti Francie! Una passione la tua, degna di grande rispetto. : )
Mirta ci ha poi raccontato che nota grosse differenze tra l'Italia e l'Argentina, sia per quanto riguarda la relazione uomo-donna, che per quanto riguarda il ballo del tango.
In Argentina l'uomo ammira e rispetta la donna, la corteggia e fa il possibile per mostrarsi degno di lei. Mentre qui sembra che l'uomo fugga la donna, che preferisca incontrarla velocemente, di sfuggita e molto superficialmente. Ed è stato un po' triste scoprire che ci siamo ritrovate parecchio concordi in questa visione dell'uomo italiano. Un uomo in difficoltà con le donne e forse con se stesso. Un uomo che ha più paura di rimanere ferito, deluso, che di sognare, di vivere e condividere una bella storia con una donna. E qui la conversazione, potete ben immaginare, ci ha offerto più direzioni e spunti…ah! le donne! : )))
Cos'è successo effettivamente? Come mai questa insicurezza ed infelicità maschile, che poi di riflesso influisce negativamente anche su noi donne? Mah! Colpa delle mamme iperprotettive? Dei padri assenti? Delle femministe? Delle donne emancipate? difficile dire quale sia la causa…ma effettivamente la maggior parte di noi conosce uomini molto delusi, sfiduciati, incapaci di relazionarsi con le donne.
Per esempio, per quanto riguarda il ballo, in Argentina, il ballo è un gioco, un'interazione tra due persone, tra un uomo e una donna, che per un attimo d'incontrano e s'avvicinano. All'uomo spetta far divertire la donna, darle emozioni, farla sentire speciale, unica, mostrare a tutti la sua bellezza, le da il la per creare insieme qualcosa di speciale, dove anche lei è partecipe, attiva e coinvolta. Sulle piste italiane invece non è raro assistere ad un ballo di coppia in solitudine, dove l'uomo balla con una donna, qualsiasi, solo perché il ballo va eseguito in coppia…pare sia andata un po' persa la capacità e forse anche il desiderio d'ascoltare l'atro/a…troppa solitudine? stress? fretta? …non saprei…però penso che sia ora di darci una mano tutte e tutti, insieme a cambiare questa triste situazione.
La vita è bella e va vissuta appieno e in tutte le sue sfumature, belle e brutte. : ) parola di supercosmica! : )
Mi piacerebbe tanto che fossimo sempre di più a prenderci tempo per serate come questa e come tante altre, dove ci si vede, si scambiano idee, esperienze, impressioni, informazioni, consigli, sapere, risate, e tanto calore, semplicemente e serenamente. E se il tango argentino è una di queste forme per farci incontrare, imparare qualcosa, e fare nuove amicizie, siamo fortunate che esistono dei maestri come Mirta e Jorge. Infatti lasciate le due spade, abbiamo continuato il nostro salotto presso la palestra della Querini, dove si è tenuta una lezione di tango per principianti… : ))
…è piaciuta così tanto,che un paio di cosmiche si sono iscritte (anche un marito!) ; ) al corso.
Ringrazio Demetrio, Monica e Marco per la gentile ospitalità presso la trattoria due spade in via milanese. Dove la mattina si comincia con caffè e brioches, per poi a pranzo approfittare della loro buona cucina casalinga e cicchetti vari ( al venerdì frittura!!) e la sera, perché no?, un buon aperitivo. : ) …sono chiusi la domenica…
Ringrazio Mirta e Jorge per la loro simpatia e bravura!
E ringrazio le cosmodonne che hanno partecipato e reso la serata fantastica, come sempre!! So che mi ripeto ma siete fantastiche ed ogni salotto è bello come non mai grazie ad ognuna di voi!
Ringrazio tutte coloro che avrebbero voluto, ma non sono riuscite a sbrogliarsi da impegni vari, augurandomi di vederci al prossimo salotto: il 25 novembre.


un cosmoabbraccio e a presto : )


Barbara

Nessun commento:

Posta un commento