COMUNICAZIONE NETWORK EVENTI

la comunicazione di te secondo te
la professionalità che ti serve quando ti serve

lunedì 18 aprile 2011

Sabato 7 maggio: Mi vesto di fluò, una performance di gioielli e body painting presso A70

A70, la bottega d'arte applicata.
A come inizio e 70 come l'anno d'apertura di questa bottega, dove design e oreficeria si sposano.
Un laboratorio, una fucina dove Elio Martella e Giancarlo Meneghello, amici, compagni di studi e poi insegnanti dell'istituto d'arte di Venezia, sotto la guida del loro maestro, Agostino Venturini, trasformano fantasie e ricerche in oreficeria innovativa. Sperimentando, usando materiali e combinazioni nuove ed originali oltrepassano i limiti della scultura e dell'oreficeria tradizionali.
Tutto comincia con la riduzione dello sbalzo alla misura di una spilla. Poi su schemi artistici di Venturini, creano pezzi unici.
“Pezzi” di design senza tempo. Così come lo diventeranno poi gli oggetti regalo, i complementi d'arredo, e tante altre sfide a cui A70 va sempre incontro, alla ricerca dell'equilibrio delle forme.
Un equilibrio delle forme che sembra facile. Nel design, le linee messe insieme devono diventare belle e funzionali. Diversità ed anomalie devono essere in equilibrio. Quadrati, cerchi, triangoli mescolati e deformati. Soluzioni e risultati diversi, ma alla fine si tratta sempre di mettere in equilibrio le forme!
Il segreto sta nel provare e riprovare, con coerenza verso le proprie forme e il proprio alfabeto, altrimenti si rischia la banalità.
Ed è proprio questo uno dei punti di forza del team di A70. Sono un’oreficeria d’arte, di ricerca contemporanea. Non commerciale. Non si sono mai agganciati ad uno schema tradizionale, hanno sempre lavorato con la massima libertà artistica e sono rimasti fedeli alle forme.
Carlo, Elio, Claudia, Eva, Simonetta.
Tutti creativi. Con la voglia di fare, senza lasciarsi inquinare. Hanno partecipato a mostre e fiere, il Florence Mart, Abitare il tempo. Hanno lavorato con il Giappone, la Francia, la Germania.
Hanno partecipato a progetti, realizzato brevetti e invenzioni. Hanno creato Forme in gioco. Hanno fatto mostre.
E sono tornati al primo amore: l’oreficeria. Gioielli unici. Oggetti creati sviluppando un tema, un progetto per dare forma alle idee. Centinaia di schizzi, soluzioni estrapolate in funzione della personalità del cliente. E se l’oggetto commissionato non dovesse piacere, non si è obbligati ad acquistarlo :si può lasciare in negozio. Ad oggi non è mai successo.
La voglia di sperimentare è sempre viva. Nella ricerca di materiali.
Nell’equilibrio delle forme.
Nasce fluò: colore, forma, intercambiabilità.
È un lavoro di squadra bellissimo. La prima linea di gioielli in serie. Una linea giovane. Argento 925 platinato inossidabile e metacrilato colorato. Studiata e realizzata a mano.
Anelli, collane, orecchini. Ogni confezione è unica, disponibile in 4, 6, 7 (!) varianti di colore, intercambiabili.

Vieni a vedere come si può indossare il 7 maggio. In un’indimenticabile performance di body painting e gioielli interpretati dagli artisti Luigi Voltolina, Lorena Vivent e Martino Caramanti. Un happening a cui non puoi mancare.




Mi vesto di fluò! E tu?
RSVP a cosmobarbara@gmail.com e al 3934687553 entro il 30 aprile

Nessun commento:

Posta un commento